Censimento dei licheni

Censimento dei licheni

Controlliamo attivamente l’ambiente in cui viviamo: licheni, cittadini e inquinamento atmosferico nel Comune di Rovereto

I licheni sono costituiti dalla simbiosi tra due o più organismi diversi: un fungo e un'alga. Il fungo da origine al corpo del lichene (tallo) che ospita al proprio interno il partner algale proteggendolo dalle condizioni esterne avverse. Il partner algale, mediante l’attività fotosintetica, fornisce al fungo i carboidrati indispensabili al suo sostentamento. Il metabolismo dei licheni dipende direttamente dall'atmosfera e pertanto essi sono molto sensibili ai cambiamenti che possono essere collegati a fenomeni di inquinamento atmosferico. Per questo motivo da molto tempo i licheni vengono utilizzati come bioindicatori per valutare gli effetti biologici dell’inquinamento, incluso quello legato alla deposizione di sostanze azotate che possono causare danni alla salute umana e alla biodiversità di un determinato territorio.

A integrazione delle iniziative di biomonitoraggio già intraprese, la Fondazione Museo Civico di Rovereto propone ora un'attività che, grazie all'impiego di metodologie molto semplificate, permetta ai cittadini di contribuire attivamente al controllo dell'ambiente in cui vivono.

Partecipare al progetto è molto facile. Abbiamo selezionato sei specie target (o meglio gruppi di specie) facilmente individuabili senza l'ausilio di strumenti professionali e senza una specifica formazione botanica. Abbiamo inoltre codificato tre tipi di vegetazione lichenica riconducibili ai tre gruppi di specie a decrescente sensibilità alle sostanze azotate. Tramite la app è possibile far pervenire la segnalazione delle specie osservate e del tipo di vegetazione lichenica. Ogni segnalazione dovrà anche riportare la specie arborea su cui i licheni sono stati osservati, la quota e tipo di ambiente (urbano, agricolo intensivo, agricolo rurale, margine di bosco). Gli ambienti forestali sono esclusi da questa indagine. La segnalazione va completata con alcune indicazioni utili a quantificare l'abbondanza di ciascuna specie.

Specie target:

Xanthoria parietina
Physcia adscendens
Flavoparmelia caperata
Parmelia sulcata
Hypogymnia physodes
Usnea

 
Scroll to Top